LA TUA FARMACIA ONLINE + SICURA + SEMPLICE +CONVENIENTE
Spedizione Gratuita per ordinativi superiori a 60€

Cistite

Cistite: le offerte migliori sono Su Farmaestense.it. La tua farmacia online + Sicura + Semplice + Conveniente. Continua la lettura della scheda informativa o scorri la pagina verso il basso per vedere le nostre offerte. Clicca sul prodotto di tuo interesse per scoprirne tutte le caratteristiche: Proprietà, Efficacia, Modo d'uso, Avvertenze e possibili effetti collaterali.


Ordina Prodotti "Cistite" per
Farmaci Buscopan
Azienda: BOEHRINGER INGE...

30 Compresse Rivesti...
€ 8,25
CANDIELLE™ Integratore contro Candida e Vaginosi
Azienda: PHARMAELLE Srl

Confezione da 20 com...
€ 24,50 € 20,50
CISDOL - Integratore Alimentare per le Vie Urinarie
Azienda: Sigma-Tau

4 bustine blu da 4,5...
€ 19,50 € 13,80
CistiFlux A 18 - Estratto di Mirtillo Rosso
Azienda: SOFAR

Confezione da 14 cap...
€ 17,50 € 11,90
CistiFlux A Plus 36+D - Estratto di Mirtillo rosso + D-Mannosio
Azienda: SOFAR

Confezione da 14 bus...
€ 19,90 € 14,25
D-Mannosio Plus
Azienda: Erboristeria l'...

confezione da 50 tav...
€ 29,00 € 26,10
Enterolactis Duo
Azienda: SOFAR

Cofanetto da 10 Bust...
€ 15,70 € 8,10
Florberry - Estratto di Cranberry, Lactobacillus p. e Prebiotici
Azienda: BRACCO SpA

10 Bustine Monodose ...
€ 15,00 € 10,00
Monurelle Cranberry e Vitamina C
Azienda: LABORATOIRES BO...

Confezione da 20 com...
€ 18,05 € 12,40
Monurelle Plus - Infezioni del tratto urinario
Azienda: ZAMBON

Confezione da 15 cap...
€ 19,00 € 13,90
Promo NoCist Intensive - Cranberry e Betulla
Azienda: SPECCHIASOL Srl

Confezione da 7 bust...
€ 19,60 € 15,68
Roter Cistiberry - Tratta e Previene le Cistiti
Azienda: ARTSANA

30 capsule da 500 mg...
€ 21,90 € 12,20
Specchiasol NoCist Prevent Capsule
Azienda: SPECCHIASOL Srl

Astuccio da 24 caps...
€ 19,60 € 15,68
Utiprof Bustine - Benessere Vie Urinarie
Azienda: Stardea s.r.l.

10 bustine da 3750 m...
€ 16,80 € 14,60


Cosa è la cistite

Con il termine cistite si identificano una serie di patologie infiammatorie della  mucosa vescicale di donne, uomini e bambini nella maggior parte dei casi sostenute da microrganismi saprofiti che risalgono dai meati esterni verso la vescica.
E' evidente quindi, considerando quelle che sono le caratteristiche anatomiche dell'apparato genito-urinario, che questo tipo di patologia interesserà prevalentemente il sesso femminile vista la contiguità tra l'orifizio vaginale e anale, sede di annidamento di moltissimi batteri anche di origine fecale, e quello uretrale.
Tale risalita è anche facilitata dalla breve lunghezza (solo 4-5 cm) dell'uretra, che termina immediatamente nel trigono vescicale, permettendo ai vari microrganismi di colonizzare prima l'epitelio vaginale superficiale, che darà origine ad un serbatoio batterico, e di li la mucosa vescicale originando il quadro di un infezione acuta.
Decisamente più rare e clinicamente più rilevanti sono invece le cistiti determinate da microrganismi, come il Mycobacterium tubercolosis, Staphylococcus aureus o Candida, che dal sangue, attraverso filtrazione glomerulare passano nelle vie urinarie raggiungendo la vescica.

Fattori predisponenti la cistite in donne in post-menopauisa

  • Incontinenza urinaria
  • Prolasso genito-urinario
  • Aumento del residuo post-minzionale
  • Carenza estrogenica
  • Perdita di lattobacilli vaginali
  • Diabete e immunodepressione
  • Ospedalizzazione

Uso di contraccettivi spermicidi

  • Uso di diaframma
  • Cambio di partner
  • Minzione post-coitale ritardata
  • Contaminazione fecale-vaginale
  • Diabete
Alla luce di quanto detto è facile immaginare come condizioni in grado di aumentare la pressione al livello vescicale, pensiamo alla gravidanza o ad un importante sovrappeso, possano facilitare l'insorgenza della cistite impedendo il corretto svuotamento di quest'organo e permettendo ai microrganismi di trovare un microambiente ideale per la crescita e la proliferazione.
A tali condizioni si associano i cambiamenti endocrino-metabolici che si osservano durante le fasi post-climateriche che incrementano ulteriormente il rischio di infezioni delle vie urinarie.

Come si presenta clinicamente

Le infezioni delle basse vie urinarie, e quindi per lo più le cistiti e nell'uomo in piccola parte anche le prostatiti acute, si manifestano con un quadro sintomatologico fortemente patognomonico che consente di effettuare una rapida diagnosi differenziale da infezioni delle alte vie urinarie.
Tra i sintomi più rilevanti è possibile osservare :

  • Pollachiuria : frequente emissione di piccole quantità di urina;
  • Urgenza e sensazione di stimolo impellente;
  • Stranguria e disuria : difficoltà e dolori durante la minzione;
  • Macroematuria e/o piuria nei casi di cistiti emorragiche;
  • Dolori sovra pubici;
  • Ritenzione urinaria e iperpiressia, soprattutto nella prostatiti.

Un attenta indagine anamnestica, utile a valutare i possibili fattori di rischio, accompagnata da un esame obiettivo consentono di effettuare una diagnosi clinica di questa malattia, seppur l'urinocoltura con antibiogramma rappresenta il golden standard diagnostico.
Le indagini strumentali, in quanto diagnostica di terzo livello, divengono importanti soprattutto nei casi di infezioni delle vie urinarie complicate.

Fattori predisponenti la cistite in donne in età fertile
  • Rapporti sessuali
  • Uso di contraccettivi spermicidi
  • Uso di diaframma
  • Cambio di partner
  • Minzione post-coitale ritardata
  • Contaminazione fecale-vaginale
  • Diabete

Terapia delle cistiti

La terapia delle cistiti non complicate si avvale solitamente dell'uso di antibiotici attivi nei confronti delle specie patogene responsabili dell'infiammazione.
Per questo motivo sarebbe opportuno provvedere all'isolamento ed al riconoscimento del microrganismo, caratterizzando la sua sensibilità alla terapia antibiotica.
Tuttavia considerando i tempi relativamente lunghi di refertazione e i vari risultati epidemiologici che attribuiscono a batteri Gram negativi come Escherichia Coli i principali episodi di cistite, spesso si effettua in prima istanza una terapia empirica di breve durata (max 3 giorni) con antibiotici attivi nei confronti dei suddetti uropatogeni.
La scelta dell'antibiotico, spesso Fluorochinoloni, Amoxacillina o Ciprofloxacina, dipenderà dalle caratteristiche fisio-patologiche del paziente e dalle possibili resistenze del microrganismo  alla terapia medica.

Prevenzione delle cistite

Differenti esperti del settore urologico e nutrizionale si sono concentrati sui metodi utili ad evitare l'insorgenza della cistite, considerando soprattutto l'elevato rischio di recidiva e cronicizzazione.
Per questo motivo si sono oggi identificati una serie di accorgimenti in grado di ridurre, soprattutto nei soggetti potenzialmente predisposti, il rischio di cistite.
Dieta ad elevato contenuto di fibre, aumento dei livelli di idratazione, somministrazioni cicliche di pre e probiotici, assunzione di antiossidanti e norme igieniche particolarmente accurate rappresentano le principali precauzioni assumibili, la cui attuazione sembra poter ridurre in maniera sensibile l'incidenza di infezioni delle basse vie urinarie.
Importante in questo senso è anche l'ausilio fornito da numerosi elementi fitoterapici, in grado di ridurre l'adesione delle specie uropatogene alla mucosa vescicale, come gli estratti di Uva ursina o di mirtillo americano.
Medesima azione sarebbe espletata anche da uno zucchero naturale come il mannosio, in grado di interagire con le strutture cellulari di E.Coli impedendone l'adesione all'uroepitelio.