LA TUA FARMACIA ONLINE + SICURA + SEMPLICE +CONVENIENTE
Spedizione Gratuita per ordinativi superiori a 60€

Ipertensione

Ipertensione: le offerte migliori sono Su Farmaestense.it. La tua farmacia online + Sicura + Semplice + Conveniente. Continua la lettura della scheda informativa o scorri la pagina verso il basso per vedere le nostre offerte. Clicca sul prodotto di tuo interesse per scoprirne tutte le caratteristiche: Proprietà, Efficacia, Modo d'uso, Avvertenze e possibili effetti collaterali.


Ordina Prodotti "Ipertensione" per
Aglio - Estratto oleoso Aboca
Azienda: ABOCA

Flacone da 50 operco...
€ 15,90 € 13,99
Medel CONTROL Misuratore di Pressione Automatico
Azienda: Medel

1 misuratore di pres...
€ 71,90 € 40,41
Medel ELITE Misuratore di Pressione Automatico
Azienda: Medel

1 misuratore di pres...
€ 73,00 € 65,70
Microlife MAM Easy - BP A3 Easy
Azienda: MICROLIFE AG

1 misuratore di pres...
€ 112,90 € 92,90
Promo Pic Solution Clear Rapid - Misuratore di pressione digitale
Azienda: ARTSANA

1 misuratore di pres...
€ 104,90 € 60,00


L'ipertensione è una condizione patologica particolarmente frequente nella popolazione occidentale, per la quale si è stimata una prevalenza di oltre il 20% della popolazione adulta.
Si considera iperteso un individuo la cui pressione arteriosa media superi i 110 mmHg, ossia quando la pressione diastolica risulti maggiore di 90 mmHg mentre quella sistolica i 135-140 mmHg.


Classificazione della pressione arteriosa (mmHg) 

Categoria: - Sistolica - Diastolica 
Ottimale: < 120 - < 80 
Normale: 120/129 - 80/84 
Normale alta: 130/139 - 85/89 
Ipertensione di grado 1 (lieve): 140/159 - 90/99 
Ipertensione di grado 2 (moderata): 160/179 - 100/
Ipertensione di grado 3 (severa): =/>180 - =/>110


Tuttavia per effettuare una diagnosi di ipertensione è necessario che i suddetti valori superino i range di normalità costantemente durante la giornata, e non esclusivamente in occasione di particolari avvenimenti.
Tralasciando quella che è una classificazione per lo più clinica dell'ipertensione è doveroso ricordare come tale patologia determini una riduzione significativa dell'aspettativa di vita, oltre che della qualità di vita, in pazienti scompensati.
Infatti seppur raramente associata ad eventi acuti l'ipertensione potrebbe compromettere la funzionalità di vari organi determinando ad esempio :

  • Sovraccarico del lavoro cardiaco, potenzialmente responsabile di insufficienza cardiaca e cardiopatia ischemica, spesso alla base dell'evento acuto dell'infarto;
  • Lesioni dei vasi cerebrali, con conseguente sviluppo di necrosi di ampie aree, con insorgenza di ictus e conseguente seria compromissione di funzionalità organiche;
  • Lesioni renali con distruzione del parenchima renale con conseguente insufficienza renale.

L'ipertensione essenziale o primitiva

IpertensioneOltre il 90 % dei casi di ipertensione arteriosa vengono comunemente definiti come ipertensione essenziale o primitiva, indicando in questo modo una patologia determinata da cause non note e differenziandola pertanto dall'ipertensione secondaria associata ad affezioni note.
Nonostante le cause di questa condizione non siano ancora del tutto state chiarite, differenti evidenze epidemiologiche e sperimentali hanno dimostrato come un ruolo rilevante nella patogenesi possa essere espletato dall'eccesso ponderale e da uno stile di vita sedentario.
 Infatti da differenti studi emerge come l'obesità e la sedentarietà possa giustificare oltre il 70% dei casi di ipertensione essenziale, e come il progressivo calo ponderale possa ridurre gradualmente la gravità di questa condizione clinica.
Più precisamente i meccanismi patogenici ipotizzati sembrano interessare :

  • Il cuore, visto l'aumento della gittata cardiaca determinata dall'aumentata richiesta di flusso ematico a carico del tessuto adiposo in eccesso;
  • Il sistema ortosimpatico, probabilmente attivato dall'aumentata secrezione di leptina attiva sui centri vasomotori bulbari;
  • Il rene, la cui attività alterata dall'attivazione ortosimpatica e dall'aumentata secrezione di angiotensina II e aldosterone, impedirebbe la corretta eliminazione di sodio, favorendo pertanto un incremento del volume ematico e di conseguenza la persistenza di un ulteriore fattore ipertensivo.

Approccio non farmacologico dell'ipertensione

Tralasciando le terapie mediche necessarie in corso di ipertensione, è opportuno ribadire in ogni caso che il primo approccio terapeutico, soprattutto nei casi di ipertensione essenziale di grado lieve, evidentemente legata ad errate abitudini passa proprio per la correzione dello stile di vita e di altri fattori.
In primo luogo sarebbe opportuno eliminare tutti i potenziali fattori di comorbidità come il fumo di sigaretta, il consumo di alcool o i ritmi frenetici, evidentemente responsabili di potenziali complicanze soprattutto cerebrovascolari.
Particolarmente importante in questa fase è il ruolo dieta, la quale oltre a ripartire i nutrienti in maniera tale da garantire un calo ponderale laddove necessario deve presentare un basso tenore di sodio.
A tal proposito diete iposodiche, in grado di limitare l'apporto di sodio al di sotto dei 3 grammi giornalieri, bandiranno il consumo di carni conservate, salumi, salse e soprattutto l'ulteriore aggiunta di sale da cucina alle pietanze da consumare.
L'approccio non farmacologico dell'ipertensione non può evidentemente tralasciare l'attività fisica, il cui ruolo per quanto controverso si è rivelato utile sia nel facilitare il calo ponderale che nel ridurre in seguito ad allenamenti costanti nel tempo i picchi pressori.
Va ricordato tuttavia che l'attività fisica dovrebbe essere orientata soprattutto verso discipline di tipo aerobico che non affatichino il sistema cardiovascolare del paziente con sforzi intensi e ripetuti; per questo motivo l'allenamento con cardiofrequenzimetro e supervisionato da personale esperto risulterebbe fortemente indicato.

Ipertensione - sport