LA TUA FARMACIA ONLINE + SICURA + SEMPLICE +CONVENIENTE
Spedizione Gratuita per ordinativi superiori a 60€

Melatonina

Melatonina: le offerte migliori sono Su Farmaestense.it. La tua farmacia online + Sicura + Semplice + Conveniente. Continua la lettura della scheda informativa o scorri la pagina verso il basso per vedere le nostre offerte. Clicca sul prodotto di tuo interesse per scoprirne tutte le caratteristiche: Proprietà, Efficacia, Modo d'uso, Avvertenze e possibili effetti collaterali.


Ordina Prodotti "Melatonina" per
Ansiplus Melatonina Retard
Azienda: Stardea s.r.l.

20 compresse bistrat...
€ 18,50 € 16,90
Ansiplus Melatonina Spray
Azienda: Stardea s.r.l.

Flacone da 20 ml
€ 17,50 € 15,20
Armonia ®  Fast - Melatonina a rilascio immediato
Azienda: NATHURA Srl

Flacone da 20 ml con...
€ 9,90 € 6,90
Armonia Retard - Melatonina
Azienda: NATHURA Srl

Confezione da 120 co...
€ 13,90 € 9,42
ESI Melatonin Pura Gocce - Integratore di Melatonina
Azienda: ESI

Flacone con pipetta ...
€ 10,90 € 8,30
Mag Notte - Integratore Sonno sereno e Jet-lag
Azienda: SANOFI-AVENTIS

24 bustine orosolubi...
€ 12,90 € 9,04
Melasin Forte - Melatonia, Escolzia, Grifonia
Azienda: POOL PHARMA

Confezione da 30 com...
€ 9,50 € 7,39
Melasin Spray - Melatonina e Camomilla
Azienda: POOL PHARMA

Flacone spray da 12 ...
€ 7,90 € 5,80
Melasin-up - Melatonina Potenziata + Griffonia e Iperico
Azienda: POOL PHARMA

Confezione da 20 min...
€ 7,00 € 5,39
Melasin•Val - Melatonina + Valeriana
Azienda: POOL PHARMA

Confezione da 30 com...
€ 8,50 € 4,40
Melatonin Pura Activ - Melatonina e Valeriana
Azienda: ESI

Confezione da 30 ova...
€ 12,50 € 8,75
Melatonina ® + Camomilla  SIRC FORTE
Azienda: SOFAR

Confezione da 30 cpr...
€ 9,30 € 4,70
Melatonina ® + Passiflora SIRC FORTE
Azienda: SOFAR

Confezione da 60 com...
€ 12,50 € 6,50
Melatonina Formula Relax
Azienda: HILTON PHARMA S...

Confezione da 60 com...
€ 17,90 € 8,90


Cosa è la Melatonina

La melatonina è una molecola sintetizzata dalla ghiandola pineale, altrimenti detta epifisi, in risposta a variazioni ambientali rappresentate principalmente dall'alternanza di luce e buio.
Per comprendere meglio il ruolo biologico di questa molecola è necessario prima contestualizzare l'attività dell'epifisi nell'ambito della funzionalità sistemica.
Per molti anni infatti si è creduto che la ghiandola pineale rappresentasse un punto di controllo fondamentale per l'attività sessuale, per l'aspetto emotivo, per il controllo del sonno e per i meccanismi di difesa immunitaria, senza tuttavia conoscere le basi molecolari di tali azioni.
La moderna medicina, principalmente attraverso lo studio di modelli sperimentali, ha dimostrato in realtà come tali presupposti fossero fondati osservando come patologie neoplastiche epifisiarie (pinealoblastomi e pinealocitomi), caratterizzate da un aumentata secrezione di melatonina, determinassero significative variazioni nella funzionalità gonadica, sia in difetto che in eccesso, portando spesso all'insorgenza di pubertà precoce.
Oltre ai disturbi della sfera sessuale, molti ricercatori hanno focalizzato la propria attenzione verso la capacità dell'epifisi di controllare il bilancio sonno/veglia mediante la secrezione di melatonina.
In questo senso infatti la fisiologica e progressiva riduzione delle ore di riposo notturno che si osserva negli anziani potrebbe essere giustificata dalla graduale calcificazione a cui va incontro la ghiandola pineale, responsabile della drastica riduzione della secrezione endogena di melatonina.
Osservando le variazioni di concentrazione plasmatica della melatonina si è notato come il profilo di secrezione di questo ormone percorra un caratteristico ritmo cicardiano, con picchi nelle ore notturne che progressivamente decrescono durante la restante parte del giorno.
Studi di fisiologia hanno giustificato questo tipico andamento con la presenza di elementi fotosensibili nell'epifisi, simili a quelli retinici, in grado di controllare la secrezione di melatonina in presenza di luce, seppur il maggior stimolo biosintetico è rappresentato da terminazioni che dal nucleo sovrachiasmatico ipotalamico attraverso neuroni postgangliari noradrenergici raggiungono i pinealoiciti attivandoli..
Già da questa breve descrizione emerge quindi la complessità biologica di questa ghiandola e del suo principale secreto, la melatonina.

A cosa serve la Melatonina

Nonostante non si siano ancora caratterizzati tutti i complessi meccanismi biologici nei quali è coinvolta la melatonina, diversi studi, molti dei quali in fase clinica, hanno messo in evidenza importanti potenzialità cliniche e terapeutiche associate all'uso di questa molecola.
Più precisamente, rileggendo la letteratura, emergono le attività :

  • Protettive nei confronti della ghiandola pineale, proteggendola dalla progressiva degenerazione istologica e funzionale;
  • Antiossidanti, utili soprattutto nel limitare il danno ossidativo indotto dalle specie reattive dell'ossigeno diretto verso gli elementi nervosi;
  • Immunomodulanti, probabilmente utili nel sostenere principalmente la risposta cellulo-mediata e contestualmente nell' incrementare il livello di sorveglianza immunologica verso potenziali elementi cellulari trasformati;
  • Di controllo verso la secrezione di gonadotropine;
  • Riequilibranti il ritmo sonno-veglia, ottimizzando le fasi di addormentamento e la qualità del sonno profondo.

La Melatonina come integratore

Viste le notevoli potenzialità in ambito terapeutico e preventivo e le buone proprietà farmacocinetiche, la melatonina, ottenuta attraverso processi di sintesi chimica, è stata proposta come integratore, riscuotendo grande successo.
Attualmente le indicazioni principali per cui viene utilizzata sono rappresentate dall'insonnia primaria, dai disturbi del sonno, in particolare del jet-lag, dalla prevenzione dell'invecchiamento cutaneo e nervoso.
Differenti studi tuttavia hanno dimostrato un potenziale terapeutico importante nel trattamento dei disordini del sonno in bambini ed adulti con disabilità intellettive  oltre che una potenziale attività antitumorale, per la quale tuttavia occorrono ancora ulteriori evidenze.

Dosaggi

Generalmente nei vari studi i dosaggi proposti, compresi tra i 2 ed i 5 mg giornalieri, si sono rivelati efficaci e sicuri nel controllare i principali disturbi del sonno.
Molto più importanti invece sono le dosi utilizzate in ambito preventivo oncologico.

Controindicazioni ed effetti collaterali

L'uso di melatonina dovrebbe avvenire sotto la supervisione del proprio medico in pazienti affetti da patologie epatiche e renali o in terapia con farmaci metabolizzati al livello epatico, data la presenza di possibili interazioni farmacologiche tali da variare efficacia e sicurezza del prodotto.
La melatonina risulta generalmente ben tollerata e priva di effetti collaterali clinicamente rilevanti, seppur in alcuni casi è stato possibile osservare reazioni di tipo gastroenterico e neurologico, fortunatamente lievi e  transitorie.